Vai direttamente al contenuto principale
Ora sei in: home > identikit di casa mia > Personaçs di Buie – Personaggi di Buja: Il mago Bide
Logo di CollinRete

Identikit di casa mia

Personaçs di Buie – Personaggi di Buja
Il mago Bide

Scuola primaria di Madonna di Buja - classe terza

Par scuvierzi alc di chest personaç famôs o sin lâts a lei ce che a àn scrit di lui:

“Il  mito dal mago Bide al ten dûr ancjemò a Buje. ‘E je ancjemò int ch’e si vîse di lui, amancul par sintût a dî, ancje se la memorie s’inturbidìs simpri plui di misteri.

In realtât, il mago Bide, ch’al jere un Miot di Ursinins Pizzul, di non Vizens (Vincenzo Giordani: 1820-1892), al è stât un dai personagjos plui impuartanz de pizzule storie locâl dal secul passât.

Il mistîr (desìin cussì) ch’al faseve al jere chel di “uaridôr erborist”, ven a staj une specie di miedi ch’al uarive o ch’al tentave di uarî lis malatiis cu lis jerbis (decoz, impacs, sirops, infûz, polvarins e vie discorint). Ma lui, un pôc inteligjent un pôc mataràn come ch’al jere, curiôs di dut, letôr inrabiât di libris di ogni sorte, prestigjatôr, poete, scultôr, atôr nasût… al veve savût creâsi in tôr une fame che si jere spandude par dut il Friûl…” (di Gian Carlo Menis. Tratto da Buje Pore Nuje 82)

O vin tradot cussì:

Il mito del mago Bide  è presente ancora a Buja. C’è ancora gente che si ricorda di lui, almeno per averne sentito parlare, anche se la memoria si offusca sempre più di mistero. In realtà il mago Bide, che era un Miot di Ursinins Piccolo, di nome Vincenzo (Vincenzo Giordani: 1820-1892) è stato uno dei personaggi più importanti della piccola storia locale del secolo passato. Il mestiere (diciamo così) che faceva era quello di “guaritore erborista”, cioè una specie di medico che guariva o  tentava di guarire le malattie con le erbe (decotti, impacchi, sciroppi, infusi, polverine, ...)
Ma lui, un po’ intelligente, un po’ pazzerello com’era, curioso di tutto, lettore appassionato di libri di vario tipo, prestigiatore, poeta, scultore, attore nato … aveva saputo crearsi addosso una fama che si era diffusa in tutto il Friuli.

O vin cjatât ancje une sô descrizion:

La Forte, ch’è à tirât-jù un biel ritrat dal Bide, propit come che si po’ vioilu tune vecje fotografie conservade dai erêz, ‘e va ancjemò indenant cussì: “ il Bide si veve lassât cressi une barbute a corone atôr de muse, ch’al semeave San Samuel, e la int ‘e veve plui sudizion e lu scoltave… Al veve lassât cori tantis vôs sul so cont: che lui aveve un podê straordenari cuintri lis tristis robis, che s’intindeve cui spirz e cun aganis, ch’al indivinave dut…”  (Maria Forte,  tratto da Sot la nape)

La Forte, che ha fatto una bella descrizione del Bide, proprio come si può vederlo in una vecchia fotografia, conservata dagli eredi prosegue così: “ il Bide si era lasciato crescere una barbetta a corona attorno al viso che sembrava San Samuelee, e la gente aveva più timore e lo ascoltava… aveva lasciato correre tante voci sul suo conto: che lui aveva un potere straordinario contro gli eventi negativi, che si intendeva con spiriti e con le streghe dell’acqua, che indovinava tutto”.

Ve chi cemût che lu vin imagjinât nô e cemût che lu mostre la fotografie innomenade:

clic sulle immagini per ingrandirle

cemût che lu vin imagjinât la fotografie

Une dì al è vignût a scuele Romano, il biliotecari, e nus à contade une leiende:

Il tesaur platât e il Mago Bide

Il tesaur platât e il Mago Bide - pagjine 1 Il tesaur platât e il Mago Bide - pagjine 2 Il tesaur platât e il Mago Bide - pagjine 3

Cheste leiende si cjate intal libri Lis lejendis di Buje di Pieri Menis (edizion Societât Filologjiche Furlane)

Il scritôr Pieri Menis al conte di sei lât a cjatâ un ciert Zuan par domandâi  infomazions sul mago Bide. A disevin che Bide al jere un induvin  e che al saveve dulà che al jere platât un tesaur.

Dopo vê scoltade la leiende o vin metût in ordin chestis secuencis metint i numars.  Sêso bogns vualtris?

  • Chei doi biâts a son rivâts intun lamp a bas, plens di pôre e cence flât. Il Bide, restât dibessôl, al à scugnût tornâ indaûr a puartâ la crepe tal so puest…
  • Il mago al dîs une peraule e intun moment al devente ros come un danât rustît…
  • Intant la vôs e jere fûr, e, passe vuê, passe doman, finalmentri al cjate chei dôi tomos. A fasin il complot in segret e po une gnot scure e frede d’unvier ti van su in Mont, cidins cidins…
  • Duncje, par podê cjoli il tesaur platât, i coventave cheste crepe…
  • Cussì il Bide nol à podût lâ a cjoli il tesaur dulà ce nome lui al saveve che al jere. E in cualchi bande di Buie al è ancjemò il tesaur che al spiete.
  • Ma prime che l’orloi dal cjampanili al torni a ribati lis oris, il Bide urdîs: - Anìn mo”…
  • Lôr a vegnin jù pe rive di corse, contents che e fos finide: ma dopo pôcs pas a viodin une procession…

Viodût che in storie o sin ancje deventâts esperts intal studiâ documents o vin ancje provât a lei cualchi pagjine dal  manuscrit dal stes Bide, li che si lein lis sôs ricetis, pinsîrs, siums, come in cheste chi sot.

Une pagjine dal manuscrit

O vin scuviert ancjemò alc:

Il document plui impressionant de devozion dal Bide ae Madone al è certamentri chel che si po viodi ancjmò a Ursinins Pizzul, a doi pas di dulà che lui al ere a stà, ven a staj le Ancone de Madone de uve. Lui, il Bide, le à ideade e realizade cu lis sos mans, prime modelant la rigile, dopo puartanle a cuei a tocs (forsi in Gjermanie, come ch’e dis la int) e infin montanle sul mur, sul ôr de strade di Ursinins, propi dulà ch’e rivave la stradele de sô androne (qulachi metro plui in ju di dulà ch’e je cumò, parceche tôr dal Trente le an spostade). Ma dongje di cheste testimoniance si po metint dongje unevore di altris ch’e pandin l’amôr filiâl e plen di fiducie che il Bide al veve pe Madone. (Gian Carlo Menis)

O vin tradot cussì:

Il documento più impressionante della fedeltà del Bide alla Madonna è certamente quello che si può vedere ancora a Ursinins Piccolo, a due passi da dove era ad abitare, cioè l’immagine della Madonna dell’uva. Lui, il Bide, l’ha ideata e realizzata con le sue mani, prima modellando l’argilla, dopo portandola a cuocere a pezzi (forse in Germania, come diceva la gente) e infine montandola sul muro sul ciglio della strada di Ursinins, proprio dove arrivava la stradina del suo vicolo (qualche metro più in giù da dove si trova adesso, perché verso l’anno Trenta, l’hanno spostata).
Ma vicino a questa testimonianza si possono metterne tante altre che dimostrano l’amore di figlio e pieno di fiducia che il Bide aveva per la Madonna.

O podês viodi chi sot la Madone de ue, prin e dopo restaurade e ancje cemût che la savìn fâ nô.

Madone de ue, prin ... ... e dopo restaurade cemût che la savìn fâ nô

Dut il materiâl fotografic e di documentazion al ven dai numars  dal periodic Buje Pore Nuje, racuelts intal  dvd Buje – Nô i sin ce che i lassìn di Celso Gallina.

Immagine della testata in alto: Panorama da Arcano Superiore
Per gentile concessione dell'autore, Vittorio Sgoifo socio del Circolo Fotografico "Ernesto Battigelli" di San Daniele del Friuli