Vai direttamente al contenuto principale
Ora sei in: home > scienza in rete > acqua un bene prezioso - gotis in viaç
Logo di CollinRete

Scienza in rete

Acqua, un bene prezioso - Gotis in viaç

Scuele de infanzie di Feagne - Madrîs

An scolastic 2010/2011

Docente: Ornella Piccoli

Classe: grup "grancj". Dai sedis fruts dal grup, cuatri a fevelin furlan, dîs lu capissin e doi a fasin fature ancje a capî.

Timp pes ativitâts: vot oris

Model educatîf: une persone, une lenghe

Obietîfs: cognossi e /o ribati il cicli de aghe, imparâ la filastrocje "Gotis in viaç" imparâ la tecniche dal acuerel par ilustrâ une filastrocje, pandi cui colôrs lis emozions, cognossi peraulis gnovis, doprâ la lenghe furlane par comunicâ cun chei altris e par esprimi emozions e opinions.

Ativitâts: Intai cuatri incuintris di dôs oris cul mestri Giorgio Pascoli, a son stâdis ilustradis lis strofis de filastrocje.La ativitât e scomençave cul rituâl dai salûts, de conte (cun ripetizion) de filastrocje, il parecjâ lis taulis par piturâ e po fâ il lavôr di piture. Ae fin de ativitât i fruts a jerin impegnâts a meti a puest lis lôr robis rispietant i timps di une filastrocje che ur diseve ce fâ. Par finî i fruts a jerin clamâts a cjalâ i disens fats e a saludâ il mestri.

Scuola dell'infanzia di Fagagna - Madrisio

Anno scolastico 2010/2011

Docente: Ornella Piccoli

Classe: gruppo "grandi". Dei sedici bambini del gruppo, quattro parlano friulano, dieci lo capiscono e due hanno difficoltà anche nella comprensione.

Tempo per le attività: otto ore

Modello educativo: una persona, una lingua.

Obiettivi: conoscere e/o ribadire il ciclo dell'acqua, apprendere la filastrocca "Gotis in viaç", apprendere la tecnica dell'acquerello per illustrare una filastrocca, esprimere le emozioni attraverso i colori, conoscere parole nuove, utilizzare la lingua friulana per comunicare con gli altri e per esprimere emozioni e opinioni.

Attività: Durante i quattro incontri di due ore  con il maestro Giorgio Pascoli, sono state illustrate le strofe della filastrocca.
L'attività iniziava con il rituale  dei saluti, del racconto (con ripetizione) della filastrocca, l'apparecchiatura dei tavoli per dipingere e lavoro di pittura. Alla fine dell'attività i bambini erano impegnati a riordinare ognuno le proprie cose rispettando i tempi di una filastrocca che suggeriva cosa fare. Alla fine dell'attività i bambini erano chiamati ad osservare i disegni prodotti e a salutare il maestro.

Gotis in viaç

cliche su lis figuris par ingrandîlis

a corin jù pe mont

Lis gotis nassudis de font
a corin jù pe mont,
a vegnin jù a sangloç
e a deventin riuç.

fin a rivâ intai lâcs

Di bevi a dan ai prâts
fin a rivâ intai lâcs,
il soreli lis racuei
adalt in cîl lis vûl vei.

tornin jù tant che ploie

Ma insieme a vuelin stâ
tant che nûl si deventarà,
di viazâ a an voie
tornin jù tant che ploie.

Chi sot ce grande maravee

La aghe de ploie
e forme une roie,
che un flum al devente
e nancje chi no si sente.
Nissun le pues fermâ
tal grant mâr e larà.
Chi sot ce grande maravee,
ogni gote si dispee.
Il viaç nol à mai fin
vie lis gotis sul dolfin!

Materiâi: sfueis di cm. 24x33, 220 g/m², colôrs a acuerel, pinei grancj e piçui, taçutis di veri, peçotuts blancs.

Risultâts/valutazion: I fruts a àn preseât une vore sedi la filastrocje che la ativitât di piture. I moments di routine in particolâr (saludâsi, presentâsi, parecjâ e meti a puest i materiâi) a àn judât i fruts a sfrancjâsi cul furlan, a no vê pôre di fevelâ intune lenghe no je la proprie e, cundiplui, a intuî che a son plui manieris par dî lis stessis robis (funzion metalinguistiche). I fruts a son stâts gratificâts volte par volte pal lôr impegn e pai risultâts otignûts.

Notis: La ativitâ e à insiorât e completât il progjet "Acqua, un bene prezioso" che al veve i obietîfs di fâ cognossi ai fruts la impuartance de aghe  e di sensibilizâju a no straçâle inte routine cuotidiane.  Lis ativitâts  dilunc lis cuatri  setemanis dal percors a son stadis puartadis indevant par talian, mintri in chest segment di vot oris e je stade doprade dome la lenghe furlane: par saludâ, presentâsi, cognossi, comunicâ cun chei altris. A imparâ a piturâ cui acuerei nus à insegnât il mestri Giorgio Pascoli, che al è l'autôr ancje de filastrocje "Gotis in viaç". Il mestri Pascoli intai siei intervents  al à simpri fat in mût che i fruts a fasin bessoi, no dome piturâ, ma ancje parecjâ, netâ, lavâ lis tacis e pinei, passâsi i colôrs. Dut chest par responsabilizâju, a jessi autonomis e a sfrancjâsi inte manualitât.

Materiali: fogli di cm. 24x33, 220 g/m², colori ad aqcuerello, pennelli grandi e piccoli, bicchieri di vetro, pezze di soffa bianca.

Risultati/valutazione: I bambini hanno apprezzato molto sia la filastrocca che l'attività di pittura. I momenti di routine in particolare (salutarsi, presentarsi, apparecchiare e riordinare i materiali) hanno aiutato i bambini  a essere più fluenti nell'uso del friulano, a non aver timore di parlare in una lingua che non è la prima lingua e, inoltre, a intuire che ci sono più modi per dire le stesse cose (funzione metalinguistica). I bambini sono stati gratificati ogni volta per il loro impegno e per i risultati ottenuti.

Note: L' attività ha arricchito e completato il percorso "Acqua, un bene prezioso" che aveva l'obiettivo di far conoscere ai bambini l'importanza dell'acqua e di sensibilizzarli per non sprecarla nella routine quotidiana. Le attività  lungo le quattro settimane sono state condotte in italiano, mentre in questo segmento di otto ore  è stata utilizzata solo la lingua friulana: per salutare, per presentarsi, apprendere, comunicare con gli altri.  Ad apprendere la tecnica dell'acquerello ce lo ha insegnato il maestro Giorgio Pascoli, che è anche l'autore della filastrocca "Gotis in viaç". Il maestro Pascoli durante i suoi interventi ha sempre fatto in modo che i bambini facessero da soli, non solo dipingere, ma anche apparecchiare, pulire, lavare i bicchieri e i pennelli, passarsi i colori. Tutto questo  per responsabilizzarli, aiutarli ad essere autonomi e migliorare la manualità.

Immagine della testata in alto: Panorama da Arcano Superiore
Per gentile concessione dell'autore, Vittorio Sgoifo socio del Circolo Fotografico "Ernesto Battigelli" di San Daniele del Friuli