Vai direttamente al contenuto principale
Ora sei in: home > identikit di casa mia > lis medais e i artiscj de medaie di Buje > leìn une medaie

Leìn une medaie

Leggiamo una medaglia

Dritto - Celestino Gianpaoli, Autoritratto, 1950 bronzo fusione 116 mmRetro - Celestino Gianpaoli, Torre dei Capocci, 1950 bronzo fusione 116 mm

Ce che jo o viôt

Inte prime medaie o viôt la muse di front di un om avonde zovin, al è seri e al cjale dret. Ator ator al è scrit CELESTINO GIAMPAOLI ANNO MCML.

Te seconde medaie si viôt une tor e ator ator al è scrit BEATA SOLITUDO SOLA BEATITUDO.

Altris notiziis

Inte prime medaie al è rapresentât l'autoritrat di Celestino Giampaoli, invezit te seconde si viôt la "Torre dei Capocci" di Rome dulà che l'artist al veve il so laboratori artistic. Lis scritis tal dret e ripuartin il non dal artist e la date 1950, tal ledrôs al è scrit che la solitudine e jê beade e e jê la sole beatitudine.

Cosa vedo io

Nella prima medaglia si vede la faccia di fronte di un uomo giovane, serio con lo sguardo dritto. In giro c'è scritto CELESTINO GIAMPAOLI ANNO MCML.

Nella seconda medaglia si vede una torre con in giro la scritta BEATA SOLITUDO SOLA BEATITUDO.

Altre notizie

Nella prima medaglia è rappresentato l'autoritratto di Celestino Giampaoli, invece nella seconda si vede la "Torre dei Capocci" a Roma dove l'artista aveva il suo laboratorio artistico. Le scritte nel dritto riportano il nome dell'artista e la data 1950, nel rovescio è scritto che la solitudine è beata ed è la sola beatitudine.

Dritto - Guerrino Mattia Monassi, Cincta floret, 1942 bronzo fusione 75 mmRovescio - Guerrino Mattia Monassi, Cincta floret, 1942 bronzo fusione 75 mm

Ce che jo o viôt

Inte prime medaie o viodìn sul denant i boscs di Buje, daûr si viôt la tor dal cjistiel cu la cjadene ator ator par ricuardâ la leiende de cjadene d'aur. Si lei la scrite in latin Cincta floret che significhe incjadenade e florìs.

Inte seconde medaie si viôt une pergamene cun scritis in latin e la date DCCXCII (792), daûr si viôt il bo, simbul dal comun di Buje.

Altris notiziis

Cheste medaie e jê stade fate tal 1942 par ricuardâ i 1150 agns dal diplome di Carlo Magno dulà che e ven nomenade pe prime volte la Plêf di Sant Laurinç di Buje. La opare e jê stade fondude inte "Zecca dello Stato" a Rome di G.M. Monassi in nome dîs tocs par vie dai timps dificii, doprant il bronç di un cjandelîr rot dal domo di Sant Scjefin. La stesse medaie e jê stade tornade a fâ tal 1992 pai 1200 agns de Plêf di Buje.

Inte pergamene si lei la scrite Karolus imperator Paulino Patriarchae DCCXCII Plebem Bujae d(ono) d(at) ven a stai Carlo imperatôr a Paolino Patriarcje di Aquilee le Plêf di Buje al da in regâl.

Cosa vedo io

Nella prima medaglia vediamo sul davanti i boschi di Buja, dietro si vede la torre del castello con attorno una catena per ricordare la leggenda della catena d'oro. Si legge la scritta latina Cincta floret che significa incatenata fiorisce.

Nella seconda medaglia si vede una pergamena con scritte in latino e la data DCCXCII (792), dietro si vede il bue, simbolo del comune di Buja.

Altre notizie

Questa medaglia venne creata nel 1942 per ricordare il 1150° anniversario del diploma di Carlo Magno, nel quale viene nominata per la prima volta la Pieve di San Lorenzo de Boga (Buja). L'opera venne fusa alla Zecca dello Stato a Roma da G.M.Monassi in soli dieci esemplari a causa dei tempi difficili, usando il bronzo di un candelabro rotto del duomo di S.Stefano. La stessa medaglia venne riproposta nel 1992 per i 1200 anni della Pieve di Buja.

Nella pergamena si legge la scritta Karolus imperator Paulino Patriarchae DCCXCII Plebem Bujae d(ono) d(at) ossia Carlo imperatore a Paolino Patriarca di Aquileia la Pieve di Buja dà in dono.

Immagine della testata in alto: Panorama da Arcano Superiore
Per gentile concessione dell'autore, Vittorio Sgoifo socio del Circolo Fotografico "Ernesto Battigelli" di San Daniele del Friuli