Vai direttamente al contenuto principale
Ora sei in: home > identikit di casa mia > lis medais e i artiscj de medaie di Buje > parcè a Buje si fevelial tant di medaie?

Parcè a Buje si fevelial tant di medaie?

O vês di savê che a Buje a son nassûts tancj medaiscj, ven a stâi artiscj che a àn fat medaiis, cualchidun di lôr al è une vore famôs ator pal mont.

Ve chi i nons di chei plui cognossûts: Troiano Troiani, Vittorio, Celestino e Pietro Giampaoli. Guerrino Mattia e Piero Monassi, Pietro Galina, Enore Pezzetta, Arnaldo e Giuseppe Baldassi, Luigina Osso. Pietro Giampaoli e Guerrino Mattia Monassi a àn lavorât ae "Zecca" dal Stât e li, prin un e daspò chel altri, a son stâts Capo incisôrs par une vore di agns.

Cualchidun al è za muart, cualchidun al è ancjemò atîf e al lavore. Tal mês di Mai dal 1998 il Comun di Buje al à inaugurât il Museu de Art de Medaie e de citât di Buje par ricuardâ a ducj il grant patrimoni artistic che o vin culì a Buje e ancje par racuei e conservâ plui medaiis pussibil, prime fra dutis chês fatis di medaiscj di Buje.

Perché a Buja si parla tanto di medaglia?

Dovete sapere che a Buja sono nati tanti medaglisti, cioè gli artisti che creano le medaglie, alcuni dei quali sono diventati famosi nel mondo.

Ecco i nomi di quelli più importanti: Troiano Troiani, Vittorio, Celestino e Pietro Giampaoli. Guerrino Mattia e Piero Monassi, Pietro Galina, Enore Pezzetta, Arnaldo e Giuseppe Baldassi, Luigina Osso. Pietro Giampaoli e Guerrino Mattia Monassi hanno lavorato alla Zecca dello Stato e lì, prima uno e poi l'altro, sono stati Capo incisore per molti anni.

Alcuni di loro sono morti, altri sono ancora attivi e lavorano ancora. Nel maggio del 1998 il Comune di Buja ha inaugurato il Museo d'Arte della Medaglia con lo scopo di ricordare a tutti il grande patrimonio artistico che abbiamo qui a Buja e anche per raccogliere e conservare il maggior numero di medaglie possibili, prime fra tutte quelle create dai medaglisti bujesi.

Immagine della testata in alto: Panorama da Arcano Superiore
Per gentile concessione dell'autore, Vittorio Sgoifo socio del Circolo Fotografico "Ernesto Battigelli" di San Daniele del Friuli