Vai direttamente al contenuto principale

area studenti

anno scolastico 2015/2016

Istituto Comprensivo di Basiliano e Sedegliano

O vin piturât la pâs - Abbiamo dipinto la pace

Noi bambini di quarta, durante i primi mesi di scuola abbiamo conosciuto la storia di Malala, premio Nobel per la pace. In classe abbiamo letto alcune pagine della sua vita e ci ha colpito la tenacia con cui questa giovane ragazza ha lottato per il riconoscimento dei suoi diritti; ci siamo resi conto che molti paesi vivono in guerra e che i bambini non hanno la fortuna di avere una famiglia, degli amici, del tempo libero per giocare, non possono andare a scuola.

Intanto il Natale si avvicinava e l’argomento pace emergeva in molte delle nostre lezioni. Abbiamo provato a scrivere cosa pensavamo noi della guerra, abbiamo letto poesie sulla pace e le abbiamo riscritte con i nostri pensieri ed emozioni. In particolare una di queste, “Ho dipinto la pace”, scritta da Tali Sorek, abbiamo deciso di riscriverla utilizzando... la lingua friulana!

Il biglietto con la poesia 'Luce, Pace, Amore' di Laurence Housman

O ai piturât la pâs
O vevi une scjatule di colôrs
decîs, vîfs.
O vevi une scjatule di colôrs
cualchidun cjalt, altris une vore frêts.
No vevi il viole par lis cassis dai voi dai fruts puars.
No vevi il neri par l'avilizion dai fruts.
Ma o vevi il ros par il cûr da la int
e il celest par l'aghe dai flums.
Mi soi sentade e o ai piturât la pâs.
(Sara, Diego, Agata)

O ai piturât la pâs
O vevi une scjatule di colôrs
decîs, piâts, vîfs.
O vevi un contignidôr di colôrs
cualchidun cjalt, cualchidun distudât.
No vevi il ros par il sanc dai ferîts,
no vevi il neri par il vaî dai frutins cence gjenitôrs,
no vevi il blanc par lis personis muartis in vuere,
no vevi il zâl par il desert da la set.
Ma o vevi il naranç par la vite gaiose,
o vevi il vert par piturâ la nature,
o vevi il blu clâr par l'aghe di bevi,
o vevi il rose par la pâs di ducj i oms e lis feminis dal mont.
Mi soi sentade e o ai piturât la pâs.
(Thomas, Sharon, Giacomo)

No o vin piturât la pâs
O vevin une scjate di colôrs
lusints, vîfs, fuarts.
O vevin une scjate di colôrs
cualchidun cjalt, altris frêts.
No vevin il ros dai muarts insanganâts.
No vevin il neri par bombis e esplosîfs.
Ma o vevin il naranç par il soreli jevât su.
E il vert par la nature.
E il celest par il cîl e il mâr.
E il rose par il ridi dai fruts.
Si sin sentâts e o vin piturât la pâs.
(Asia, Zaira, Jenny)

O ai piturât la pâs
O vevi une scjate plene di colôrs
clârs, scûrs, metalizâts.
O vevi une scjate di penis,
coloradets, vivês, legres.
No vevi il viole par un voli neri.
No vevi il grîs par la cinise da pistole.
No vevi il neri par lis bombis tonadis.
Ma o vevi il naranç par il soreli luminôs,
e il rose par lis musis contentis,
e il ros par lis rosis,
e il vert par lis plantis.
Mi soi sentade e o ai piturât la pâs.
(Riccardo, Elena, Elisa)

O vin piturât la pâs
O vin il viole vîf par lis frutis contentis
e par i fruts legris che a zuin tal curtîl.
O vin il blu clâr par il cîl limpi.
No vin il neri par lis pistolis e il canon.
Ma o vin il ros par il cûr e la vite.
No vin il zâl par strassâ la int,
e no vin il grîs par il maltratâ.
Però o vin il vert par il cipament dai uciei.
Cussì o vin dissegnât la pâs.
(Giuliana e Marco)

O ai piturât la pâs
O vevi une scjatule di colôrs
vîfs, brilants, studâts.
O vevi une scjatule di colôrs
frêts e cjalts.
No vevi il grîs par lis stradis bandonadis.
No vevi il maron par la tiere dulà meti i muarts.
Ma o vevi il blu par il scûr dai mârs,
il viole par la felicitât dai fruts,
il rose par la pâs e la vite.
Mi soi sentât e o ai piturât la pâs.
(Sandy, Leyla, Samuele T.)

O vin piturât la pâs
O vevin une scjate di colôrs
vîfs, decîs, brilants.
O vevin une scjate di colôrs
cuasi ducj cjalts, però cualchidun tant frêt.
No vevin il ros par il sanc dai ferîts che a murivin.
No vevin il neri par la pôre da la vuere.
No vevin il blanc par lis musis dai muarts.
No vevin il zâl par il savalon ardint che al copave chei cence aghe.
Ma o vevin il naranç da la pâs e da la sperance dai frutins puars.
Ma o vevin il celest dal cîl e da l'aghe purificade.
Ma o vevin il vert da la jerbe e dai nîts dai uciei.
E par finì il rose par il sium dai frutins.
Si sin distirâts e o vin imagjinât la pâs cun ducj i colôrs.
(Samuele V., Giada, Manuel)

Infine la maestra ci ha proposto di realizzare un biglietto di Natale un po’ diverso, un biglietto che parlasse del vero Natale: IL NATALE CHE VORREI e IL NATALE CHE NON VORREI.

Abbiamo così deciso di rappresentare il Natale con due alberi particolari. In uno, al posto delle palline, abbiamo messo parole di pace, amore, gioia e nell’altro parole di guerra, odio, tristezza.

Ci siamo molto impegnati nella realizzazione e questo è stato il nostro risultato.

Il natale che vorrei Il natale che non vorrei

Le foto forse non rendono, ma il significato pensiamo sia molto bello da condividere con tutti voi. È un messaggio di pace e di speranza per un Natale che tutti vorremmo.

Buona lettura.
I ragazzi di classe quarta
Scuola Primaria di Flaibano