logo dell'Istituto Comprensivo di Sedegliano

Istituto Comprensivo di Basiliano e Sedegliano

Scuole statali dei Comuni di Basiliano, Coseano, Flaibano, Mereto di Tomba, Sedegliano (Ud)

Ora sei in: home > insegnanti >programmazione 2016/2017> Scuola Secondaria di Sedegliano> scienze - classe seconda

Programmazione didattica

Scuola Secondaria di primo grado di Sedegliano

anno scolastico 2016/2017

Classe seconda (2A, 2B)
insegnante Maria Antonietta Loriga

Programmazione di scienze

Traguardi di competenza e obiettivi di apprendimento

Competenze: indicano la comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche in situazioni di studio, di lavoro e di vita sociale

Obiettivi di apprendimento: insieme di conoscenze e abilità

Nucleo tematico: fisica e chimica

Competenze

  • È in grado di raccogliere, tabulare e analizzare dati anche in semplici situazioni di laboratorio.
  • Utilizza strumenti matematici o informatici per  rappresentare i dati.
  • Sviluppa semplici schematizzazioni e modellizzazioni di fatti e fenomeni, applicandoli anche ad aspetti della vita quotidiana.

Obiettivi di apprendimento

  • Completare la costruzione  del concetto di trasformazione chimica, effettuando esperienze pratiche  diversificate, utilizzando alcuni indicatori, ponendo l’attenzione anche sulle sostanze di impiego domestico (ad esempio: reazioni di acidi e basi con metalli, soluzione del carbonato di calcio, alcune reazioni di neutralizzazione, combustione di materiali diversi).
  • Affrontare concetti fisici quali: velocità e forza, effettuando esperimenti e comparazioni, raccogliendo e correlando dati con strumenti di misure e costruendo reti e modelli concettuali e rappresentazioni formali di tipo diverso

Nucleo tematico: biologia

Competenze

  • Ha una visione organica del proprio corpo e ne comprende i cambiamenti in atto a livello microscopico e macroscopico
  • È in grado di decomporre e ricomporre la complessità di contesto in elementi, relazioni e sottostrutture, pertinenti a diversi campi disciplinari

Obiettivi di apprendimento

  • Illustrare, attraverso esempi della vita quotidiana, la complessità del funzionamento del corpo umano nelle sue varie attività (nutrimento, movimento, respirazione, ecc.)
  • Apprendere una gestione corretta del proprio corpo; interpretare lo stato di benessere  e di malessere che può derivare dalle sue alterazioni; attuare scelte  per affrontare i rischi connessi con una cattiva alimentazione, con il fumo, cun l’uso di alcol e droghe

Unità di apprendimento e relativi contenuti

Nucleo tematico: fisica e chimica

Unità di apprendimento Contenuti

1. Il moto dei corpi

  • Il moto e la quiete.
  • Gli elementi caratteristici del moto.
  • Vari tipi di moto.

2. Le basi della chimica

  • La struttura dell’atomo
  • La tavola periodica degli elementi
  • I legami chimici
  • Acidi, basi, sali
  • Le reazioni chimiche
  • Le leggi di Lavoisier e Proust
  • Reazioni endotermiche ed esotermiche
  • La chimica organica (cenni)

3. L’apparato tegumentario

  • La pelle
  • Gli annessi cutanei
  • Le malattie della pelle

4. L’apparato locomotore

  • Il sistema scheletrico
  • Il tessuto osseo
  • Le ossa
  • Le articolazioni
  • Lo scheletro dell’uomo
  • Il sistema muscolare
  • Funzionamento dei muscoli
  • Tipi di muscoli
  • Le deformazioni della colonna vertebrale

5. L’apparato digerente e l’alimentazione

  • L’apparato digerente nell’uomo
  • Il processo digestivo
  • I principi alimentari
  • Il fabbisogno energetico di una persona
  • L’indice di massa corporea
  • Caratteristiche di una dieta equilibrata
  • I disturbi alimentari

6. L’apparato respiratorio e la respirazione

  • Struttura dell’apparato respiratorio
  • Il meccanismo della respirazione
  • Il percorso dell’aria attraverso le vie respiratorie
  • Gli scambi gassosii
  • Gli effetti del fumo sull’apparato respiratorio

7. Il sistema cardiocircolatorio

  • Il sangue: composizione e funzioni
  • Il cuore
  • Il ciclo cardiaco
  • I vasi sanguigni
  • La circolazione del sangue
  • La pressione sanguigna
  • Le malattie dell’apparato cardiocircolatorio

8. L’escrezione

  • Il sistema escretore
  • Escrezione delle sostanze di rifiuto
  • Il rene: struttura e funzionamento
  • Composizione dell’urina

9. Il sistema immunitario

  • L’immunità naturale
  • L’immunità specifica
  • I vaccini
  • Le allergie
  • I gruppi sanguigni

Obiettivi minimi

  • Individuare le grandezze descrittive del moto dei corpi, riferendosi ad esperienze concrete tratte dalla vita quotidiana.
  • Saper distinguere un fenomeno chimico da un fenomeno fisico;
  • Conoscere i concetti essenziali della chimica inorganica (definizione di atomi e molecole, conoscenza dei principali atomi, significato di reazione chimica con particolare attenzione alla combustione);
  • Conoscere i concetti essenziali della chimica organica (conoscenza delle principali caratteristiche e proprietà delle molecole organiche);
  • Saper descrivere semplici esperimenti;
  • Conoscere l’organizzazione generale del corpo umano;
  • Conoscere e saper riferire in modo essenziale (anche con l’aiuto di immagini o schemi):
  • la struttura di base della pelle e sue principali funzioni;
  • i nomi di alcune ossa e di alcuni muscoli, la loro localizzazione nel corpo e la principali funzioni dell’apparato locomotore;
  • la struttura di base dell’apparato digerente e il percorso e le principali trasformazioni del cibo al suo interno;
  • la struttura fondamentale dell’apparato respiratorio e la sua fisiologia;
  • nozioni di base sulla composizione del sangue e la struttura del cuore e dei vasi sanguigni e sulle loro principali funzioni;
  • l’organizzazione del sistema immunitario e le sue principali funzioni;
  • nozioni di base sull’anatomia e la fisiologia dell’apparato escretore;
  • Conoscere e saper riferire in modo essenziale (anche con l’aiuto di immagini o schemi) le più importanti relazioni esistenti tra i vari apparati e sistemi del corpo umano;
  • Conoscere le principali nozioni per la corretta gestione del proprio corpo, in particolare riferimento all’alimentazione (principi nutritivi, fabbisogno energetico giornaliero, indice di massa corporea) e ai principali effetti del fumo sull’apparato respiratorio e su altri apparati;
  • Saper raccogliere e tabulare i dati di semplici esperienze;
  • Saper utilizzare e comprendere la terminologia specifica essenziale.

Metodologie e strategie didattiche da utilizzare

Lezione frontale
Lezione dialogata
Discussione libera e guidata
Lavoro di gruppo
Insegnamento reciproco
Laboratorio
Uso del computer
Impiego di linguaggi non verbali
Attività di manipolazione
Uso del libro di testo
Uso di strumenti didattici alternativi o complementari al libro di testo
Formulazione di ipotesi e loro verifica
Percorsi autonomi di approfondimento
Attività legate all'interesse specifico
Contratti didattici
Valutazione frequente
Contatto con persone e mondo esterno
Studio individuale domestico
Visite guidate

Recupero e potenziamento

Per facilitare l’apprendimento  di tutti gli alunni che presenteranno delle difficoltà,  sono  previste le seguenti strategie:

  • semplificazione dei contenuti
  • reiterazione degli interventi didattici
  • lezioni individualizzate a piccoli gruppi (compresenze)
  • esercizi guidati e schede strutturate

Verifiche e criteri di valutazione

Le verifiche sistematiche saranno effettuate sugli obiettivi generali della disciplina oltre che sull’apprendimento dei suoi contenuti. L’indagine valutativa sarà pertanto indirizzata sulle capacità acquisite e sulle conoscenze ed i concetti. Si ricorrerà sia a prove in itinere, sia a prove a posteriori.

Nel dettaglio gli strumenti di verifica utilizzati saranno i seguenti:

Verifiche formative

  • Correzione dei compiti svolti a casa
  • Interrogazione dialogica
  • Discussione guidata

Verifiche per Unità di apprendimento

  • Verifiche scritte ( produzione, risposte a domande aperte, test a risposta multipla, domande a completamento, quesiti vero / falso etc.)
  • Verifiche orali

Verifiche sommative che comprendono più Unità di apprendimento.

Criteri di valutazione

Conformemente alle Disposizioni ministeriali in materia di istruzione e università (D.L. 1 settembre 2008, N. 137), la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni sarà espressa in decimi:

Per quanto concerne la valutazione delle verifiche i voti verranno attribuiti secondo la seguente tabella

Voto Giudizio esplicito
10 alunno con livello di conoscenze e abilità complete e corrette, autonomo e sicuro, con apporti personali nelle applicazioni, anche in situazioni nuove o complesse;
9 alunno con livello di conoscenze e abilità complete e corrette, autonomo e sicuro nelle applicazioni, anche in situazioni complesse;
8 alunno con livello di conoscenze e abilità complete, autonomo e generalmente corretto nelle applicazioni;
7 alunno con livello di conoscenze e abilità di base, autonomo e corretto nelle applicazioni in situazioni note;
6 alunno con livello di conoscenze e abilità essenziali, corretto nelle applicazioni in situazioni semplici e note;
5 alunno con livello di conoscenze e abilità parziali, incerto nelle applicazioni in situazioni semplici;
4 alunno con livello di conoscenze frammentarie e abilità di base carenti.

Le valutazioni quadrimestrali, oltre che del profitto conseguito durante lo svolgimento dei vari percorsi didattici, terranno conto anche:

  • della peculiarità del singolo alunno
  • dei progressi ottenuti
  • dell’impegno nel lavoro a casa
  • dell’utilizzo e dell’organizzazione del materiale personale e/o distribuito
  • della partecipazione e pertinenza degli interventi
  • delle capacità organizzative

Per un più agevole controllo dei progressi, sul registro dell’insegnante verranno usati anche voti intermedi.

Sul registro dell’insegnante verranno segnalate e valutate la mancata esecuzione del compito domestico (C= compito non eseguito) e  la mancanza del materiale (M= mancanza del libro di testo e/o del quaderno).

Rapporti con le famiglie

I rapporti con le famiglie sono  curati tramite:

  • comunicazioni scritte attraverso libretto personale;
  • colloqui negli orari di ricevimento del docente;
  • colloqui durante i ricevimenti generali dell’Istituto. Sono  realizzati quattro momenti di incontro generale e ricevimento genitori; ad ottobre, in occasione della presentazione della classe; a dicembre e ad aprile, in occasione della consegna del rapporto informativo; a febbraio, in occasione della consegna delle schede.

I rapporti scuola-famiglia si mantengono sul piano della fiducia e della reciproca collaborazione.

Testo di riferimento

Titolo: Linea Scienze - Tomi A e C
Autori: Luigi Leopardi, Mariateresa Gariboldi
Editore: Garzanti Scuola

torna su