Vai direttamente al contenuto principale
Ora sei in: home > a proposito di scrittura > Checo nol sint ben - Francesco non ascolta
Logo di CollinRete

A proposito di scrittura

Lis classis tierce e quarte de scuele primarie di Cjscjerne e an scrit a plui mans cheste storie: la cuarte  le a pensade, la tierce e a descrit il personaç principâl.

Checo nol sint ben

Checo al jere un frut di nûf agns che al viveve intun paîs di campagne. Piçul di stature e scarmulin, al coreve come une saete. La sô muse e jere blancje e rosse di salût.
Al veve i cjavei curts e castagns, cu la creste par aiar, e i voi vîfs, piçui e rotonts di colôr maron.
Nâs fracât e orelis a svintule, al veve nome un fastidi, chel di capî une robe par une altre. Si podeve pensâ che al fases finte di no sintî, o che al fos distrat.

Piçul di stature e scarmulin, al coreve come une saete.

Ven a stai che se sô none i diseve: “Puarte di mangjâ al cjan”, lui al capive “No tu âs un carantàn” e cussì al partive vie di corse cence nancje voltâsi indaûr.

So pari lu preave di meti a puest i  zugatui e lui si sentave beât devant de television parcè che al veve sintût “Tu âs dome garbatui”.

se sô none i diseve: 'Puarte di mangjâ al cjan'

Sô mari e jere preocupade par chel fi che nol sintive bèn e voleve puartâlu dal miedi par visitâi lis orelis.

voleve puartâlu dal miedi par visitâi lis orelis

Un dopodimisdì, Checo al jere partît, come simpri, a torzeon pal paîs, cuant che al viôt, sentât su di un grues clàp, un omenut vistût di grîs, cuntun grant cjapiel sul cjâf.

al viôt, sentât su di un grues clàp, un omenut vistût di grîs

Curiôs, al va dongje par viodi miôr cui che al jere, e chel i dîs: “Jo o soi amì di ducj i fruts. Domandimi ce che tu vuelis e jo ‘o esaudirai i tiei desideriis.
Checo al reste cence peraulis, ma al pense che nol podeve lassâ pierdi une ocasion dal gjenar. “Oh, va ben! O vuei un biel balon!” al dîs cun  grande baldanze.

al pense che nol podeve lassâ pierdi une ocasion dal gjenar

Dit e fat, ma invesit di vê un biel balon tra i pîts, si cjate denant de muse un grant nason.
“Noo! Noo! Ce fâstu, o vevi dite un biel balon!”
“Oh, scuse, ma jo o vevi capît un grant nason” al rispuint l’omenut.
“Cjavimi vie chest brut nason!” lu pree Checo.

si cjate denant de muse un grant nason

“Sigûr, dit e fat”, ma cun terôr, il frut al viôt che i soi pîts e stan cressint come  talpons.
“Judimi! Fami iessi un frut  normâl!!” e intant che al sighe come un mat si inecuarç che si sglonfe la panse come che di un paiaç a Carnevâl.

Judimi! Fami iessi un frut  normâl

Plen di pore Checo al scomence a cori, al cor simpri plui svelt, ma si inçopede intai pidons e la panse i bale di ca e di là. Finalmentri al rive denant de puarte di cjase, la spalanche e al va dret inte sô cjamare. Si bute sul jet e si plate sot das cuviertes. Lis lagrimis a bagnin il cussin e intant al pense a ce tant che varessin ridût i siei amîs di scuele cuant che lu varessin viodût.

Checo al scomence a cori

“Checo, sveiti! E ie ore di jevâ”. La vôs di sô mari lu fâs tornâ inte realtât.
Il frut si cjale ator, si palpe il nâs, si sfree i pîts, si tocje la panse. Dut normâl! Ce brut sium- al pense intant che al met lis gjambis fûr dal jet e al promet dentri di se che di in che dì al varès scomenzât a sintî ben.

Le classi terza e quarta della scuola primaria di Cisterna hanno scritto a più mani questa storia: la quarta l’ha inventata, mentre la terza ha descritto il personaggio principale.

Francesco non ascolta

Francesco aveva nove anni e viveva in un paese di campagna. Piccolo di statura e magro, era veloce come un fulmine. Le guance bianche e rosse rivelavano che era un bambino in salute. I capelli castani e corti si alzavano in una cresta, gli occhi vivaci, piccoli e castani.
Naso schiacciato e orecchie a sventola, Francesco aveva un unico problema, quello di capire una cosa per un'altra. Si poteva pensare che fingesse di non sentire, o che fosse distratto.

Piccolo di statura e magro

Succedeva che se la nonna gli diceva: “Dai da mangiare al cagnolino” lui capiva “Non possiedi nemmeno un soldino” e perciò se ne andava via senza problemi.

Suo padre gli raccomandava di riordinare i giocattoli e lui si sedeva beato in poltrona davanti alla televisione perché era convinto che avesse detto “Sono solo carabattole”.

se sô none i diseve: 'Puarte di mangjâ al cjan'

Sua madre era molto preoccupata per quel figlio che sembrava non sentire bene e pensava di portarlo dal dottore per un controllo alle orecchie.

pensava di portarlo dal dottore per un controllo alle orecchie

Un pomeriggio Francesco se n’era andato, come tutti i giorni, a zonzo per il paese, quando vide, seduto su un grosso sasso, un omino vestito di grigio, con un grande cappello in testa.

vide, seduto su un grosso sasso, un omino vestito di grigio

Incuriosito, si avvicinò per capire meglio chi fosse e quello gli disse: “io sono amico di tutti i bambini. Chiedimi quello che vuoi e io esaudirò i tuoi desideri.”
Francesco rimase senza parole, ma pensò che non poteva perdere un’occasione del genere. “va bene! Voglio un bel pallone!” disse con baldanza.

pensò che non poteva perdere un’occasione del genere

Detto e fatto, ma al posto del pallone, Francesco si ritrovò sul viso un gran nasone.
“Noo! Noo! Che cosa fai? Avevo chiesto un pallone!”
“Oh, scusa! Io avevo capito un gran nasone” rispose l’omino.
“Toglimi questo brutto nasone” lo pregò Francesco.

si ritrovò sul viso un gran nasone

“Va bene, detto e fatto!”, ma con terrore, il bambino vide che i suoi piedi stavano crescendo come grosse zampe.
“Aiutami! Fammi tornare un bambino normale! E, mentre urlava come un matto, si accorse che la sua pancia si stava gonfiando come quella di un pagliaccio a Carnevale.

Judimi! Fami iessi un frut  normâl

Impaurito, Francesco cominciò a correre, correva sempre più veloce, ma inciampava nei piedoni e il pancione ballonzolava di qua e di là. Finalmente arrivò davanti alla porta della sua casa, la spalancò e corse verso la sua camera. Si buttò sul letto e si nascose sotto le coperte. Le lacrime bagnavano il cuscino, mentre pensava a quanto lo avrebbero deriso i compagni di scuola quando lo avessero visto in quelle condizioni.

La voce di sua madre lo fece tornare alla realtà

“Francesco, svegliati! È ora di alzarsi”. La voce di sua madre lo fece tornare alla realtà. Il bambino si guardò intorno, si schiacciò il naso, si massaggiò i piedi, si toccò la pancia. Tutto normale!
“Che brutto sogno” pensò mentre portava le gambe fuori dal letto promettendo a se stesso che da quel giorno avrebbe capito bene quello che gli veniva detto.

La vôs di sô mari lu fâs tornâ inte realtât

Immagine della testata in alto: Panorama da Arcano Superiore
Per gentile concessione dell'autore, Vittorio Sgoifo socio del Circolo Fotografico "Ernesto Battigelli" di San Daniele del Friuli