Ora sei in: home > scuole > primaria Cisterna > pagine della scuola > 2011/2012 > programmazione didattica > italiano - classe seconda

Programmazione didattica

Scuola Primaria di Coseano-Cisterna

anno scolastico 2011/2012

Classe Seconda
insegnante Mara del Piccolo

La competenza linguistica: aree di intervento

Le aree di intervento riguarderanno le principali componenti della competenza linguistica che interagiscono durante la comunicazione:

  • il canale sonoro che è alla base della comunicazione verbale; si intende assegnare ampio spazio a tutte le attività orali, nella convinzione che l'oralità permetta lo sviluppo di molte abilità e conoscenze che consentiranno agli alunni di giungere ad una produzione scritta coerente ed articolata ed alla maturazione di competenze cognitive, metacognitive espressive e psicologiche. Molta attenzione sarà ancora dedicata alla lettura strumentale, per il perfezionamento della correttezza, rapidità ed intonazione, ma saranno anche offerti tutti gli stimoli possibili per favorire la lettura come momento di piacere sia individuale che collettivo
  • il lessico, cioè quel magazzino di parole che andrà via via arricchito, per produrre e comprendere significati e messaggi sempre più complessi
  • la grammatica, con un primo approccio alle regole trasformazionali e ai diversi modi di combinare le parole
  • la pragmatica, con un primo approccio alle regole relative al rapporto tra il messaggio ed il contesto, fisico e sociale, in cui avviene la comunicazione

torna su

Nuclei tematici

I temi proposti riguarderanno sempre esperienze significative per il bambino, quali i sogni, le paure, i giochi ed in particolare la propria esperienza scolastica. Rispetto a questi vissuti potrà formulare riflessioni su di sé, sugli altri ( coetanei ed adulti), sul mondo vicino e lontano. Per lo sviluppo di ogni area tematica si farà ricorso al racconto – confronto di esperienze, alla lettura e all'ascolto di storie e brani predisposti, ad elaborazioni linguistiche di vario genere (reali e fantastiche ) incentrate sul tema di riflessione del momento, a dibattiti intorno a questioni sociali e personali che permettano lo sviluppo della conoscenza di sé, del proprio punto di vista, sempre nel rispetto, nella comprensione e nell'accettazione delle diversità altrui.

Su queste tematiche si svilupperanno anche conoscenze ed abilità relative alle competenze di lingua e cultura friulana.

torna su

Unità di apprendimento 1: l'ascolto

Indicatori di competenza al termine della classe seconda

  • Con il proprio atteggiamento-comportamento dimostra di saper praticare l'ascolto attivo e di comprendere testi orali di vario tipo
  • Dimostra di saper ascoltare e di saper ricavare informazioni

Obiettivi formativi

  1. Durante i momenti di vita scolastica, l'alunno recepisce e comprende testi orali di diverso tipo dimostrando capacità di ascolto attivo, al fine di giungere ad una relazione positiva con coetanei ed adulti.
  2. Durante i momenti di vita scolastica l'alunno decodifica le comunicazioni orali, individuandone gli elementi essenziali al fine di giungere ad una cooperazione efficace all'interno del gruppo classe.

Obiettivi di apprendimento

  • Mantiene l'attenzione, almeno per un discreto periodo, su una proposta narrativa
  • Mantiene l'attenzione sul messaggio orale avvalendosi del contesto e dei diversi linguaggi verbali e non verbali (gestualità, mimica, tratti prosodici, immagini, grafica)
  • Prolunga l'attenzione fino al termine della comunicazione
  • Rispetta i tempi di chi parla
  • Conserva in memoria il significato globale della comunicazione, le parole nuove e gli elementi essenziali
  • Si orienta nella comprensione, focalizzando informazioni che utilizza opportunamente
  • Conosce l'uso di strumenti linguistici e non
  • Conosce le differenti intonazioni e le caratteristiche della situazione comunicativa
  • Conosce la varietà dei testi orali e le loro diverse funzioni (descrittiva, narrativa, regolativa…)

Contenuti

Le linee guida dell'ascolto: l'anticipazione, l'intuizione e l'esecuzione di consegne.

Conoscenza di sé, interessi, emozioni esperienze vissute, diritti dei bambini, il gioco come momento di crescita, narrazioni e descrizioni personali ed in terza persona, relative all'attività ludica. Primo approccio con le regole grammaticali (nomi, articoli, verbi)

Metodi, attività e soluzioni organizzative

  • Esercizi - gioco per educare alla comprensione e migliorare l'attenzione durante l'ascolto
  • Verbalizzazioni guidate
  • Confronto di esperienze, emozioni, ricordi

Trasversalità

Storia: l’ambientazione temporale (presente/ passato);  lingua e cultura friulana: nomi e tipologia dei giochi e degli oggetti scolastici in uso a genitori e  nonni;  musica: descrizione, analisi, classificazione e memorizzazione di eventi sonori; educazione all’affettività: ascolto e relazione positiva nei confronti degli altri; lingua inglese: comprendere semplici istruzioni; matematica–geografia: esecuzione di percorsi partendo da descrizioni verbali.

Verifica

Periodiche osservazioni sistematiche sia individuali che di gruppo

torna su

Unità di apprendimento 2: La comunicazione orale

Indicatori di competenza al termine della classe seconda

  • Dimostra di saper produrre testi orali di vario tipo, adattando il registro linguistico alle situazioni e all'interlocutore
  • Parla chiaramente per esprimere vissuti ed affettività, per descrivere, per informarsi o ricevere spiegazioni

Obiettivi formativi

  1. Durante i momenti di attività orale, l'alunno parla: per raccontarsi, esprimere vissuti e bisogni personali, scambiare opinioni, descrivere situazioni, fatti, oggetti, persone
  2. Durante un dialogo, una conversazione, una discussione, l'alunno interviene in modo adeguato: narrando, spiegandosi, richiedendo, argomentando, informandosi, per vivere l'esperienza scolastica in modo attivo e consapevole

Obiettivi di apprendimento

  • Mantiene l'attenzione per la durata dell'attività orale
  • Si adatta alla situazione comunicativa
  • Rispetta i tempi
  • Interagisce ponendo domande pertinenti e rispondendo a domande adeguate alla situazione
  • Riferisce vissuti, stati d'animo, desideri, preferenze
  • Narra esperienze personali e racconti fantastici rispettando il criterio della successione cronologica
  • Mette in atto comportamenti di autonomia, autocontrollo, fiducia in sé
  • Produce messaggi orali chiari, brevi testi orali narrativi, descrittivi, regolativi
  • nteragisce nello scambio comunicativo in modo adeguato alla situazione (per discutere, richiedere, spiegare, informarsi...) rispettando le regole stabilite
  • Riconosce i vari elementi della comunicazione ( emittente – destinatario –messaggio - scopo)
  • Opera scelte di tipo logico, semantico, lessicale
  • Richiama conoscenze
  • Conosce le modalità di intervento nelle conversazioni, attivando modalità relazionali positive con compagni e adulti

Contenuti

Conoscenza di sé, interessi, emozioni esperienze vissute, diritti dei bambini, il gioco come momento di crescita, l'esperienza scolastica e le relazioni interpersonali, narrazioni e descrizioni personali ed in terza persona, relative all’attività ludica.

Primo approccio con le regole grammaticali (nomi, articoli, verbi), con i nuclei semantici ed i nessi logico temporali.

Metodi, attività e soluzioni organizzative

  • Verbalizzazioni e conversazioni guidate,  sulle tematiche via via  trattate,  per promuovere la partecipazione e l’uso corretto del linguaggio
  • Conversazioni di gruppo semi guidate su esperienze di vita quotidiana per abituarsi al confronto e al  rispetto di opinioni diverse
  • Narrazione orale di esperienze personali, fatti ed eventi significativi
  • Attività di  racconto personale, di contestualizzazione della propria esperienza, di rappresentazione grafica, di giochi di relazione
  • Dal sé agli altri, con attività di esposizione, narrazione, descrizione

Trasversalità

Storia: l’ambientazione temporale ( presente/ passato) e gli indicatori logico temporali;  lingua e cultura friulana: nomi e tipologia degli oggetti scolastici in uso a  genitori e  nonni;  musica: descrizione, analisi, classificazione e memorizzazione di eventi sonori; educazione all’affettività: atteggiamento di ascolto e relazione positiva nei confronti degli altri; educazione alla cittadinanza: modalita’ positive nell’interazione comunicativa; lingua inglese: formule di saluto e prime espressioni convenzionali; matematica: formule e risposte a semplici domande relative a situazioni concrete.

Verifica

Periodiche osservazioni sistematiche sia individuali che di gruppo

torna su

Unità di apprendimento 3: la comunicazione scritta

Indicatori di competenza al termine della classe seconda

  • Produce autonomamente brevi testi per narrare, descrivere, comunicare esperienze ed idee
  • Consolida la competenza tecnica delle scrittura
  • Domina le regole ortografiche di base sia a livello fruitivo che produttivo

Obiettivi formativi

  1. L’alunno scrive , esprimendo in modo abbastanza lineare e coerente vissuti ed emozioni da condividere con il gruppo, per imparare gradualmente attraverso il confronto a rispettare e valorizzare esperienze diverse dalle proprie
  2. L’alunno scrive manipolando il testo, attenendosi a determinati vincoli, per far sì che la lingua stessa diventi per lui un mezzo per il chiarimento delle proprie idee
  3. Attraverso momenti di scrittura spontanea e libera, l’alunno scrive componendo semplici poesie e filastrocche, in rima e non, per divertirsi

Obiettivi di apprendimento

  • Pianifica semplici testi narrativi e descrittivi, distinguendo le idee essenziali dalle superflue, scegliendole in base a destinatario e scopo
  • Scrive brevi testi a commento e/o completamento di immagini in sequenza
  • Scrive, con l'aiuto di immagini e/o domande-guida, brevi sequenze di frasi che narrino una storia fantastica nota o inventata
  • Descrive, anche con l'aiuto di schemi e domande-guida, persone, animali, oggetti e ambienti
  • Organizza contenuti, idee, stabilendo un ordine logico, semantico, lessicale
  • Completa e scrive semplici filastrocche
  • Scrive semplici testi relativi a proprie esperienze e vissuti
  • Sintetizza una storia letta o ascoltata con l'aiuto di domande guida o completando una traccia
  • Prolunga l’attenzione fino al termine dell’elaborato
  • Conosce e rispetta le convenzioni ortografiche
  • Applica strategie di autocorrezione
  • Conosce la struttura della frase  (elementi morfo-sintattici di base)
  • Conosce l’uso dei principali segni di punteggiatura

Contenuti

Conoscenza di sé, interessi, emozioni esperienze vissute, diritti dei bambini, il gioco come momento di crescita, narrazioni e descrizioni personali ed in terza persona, relative all’attività ludica. Primo approccio con le regole grammaticali (nomi, articoli, verbi), con i nuclei semantici ed i nessi logico temporali.

Metodi, attività e soluzioni organizzative

  • Narrazione scritta di esperienze personali, fatti, eventi significativi, racconti fantastici
  • Descrizione,  individuale e di gruppo, di luoghi, personaggi, bisogni, emozioni
  • Produzione individuale o di gruppo di filastrocche e semplici poesie

Trasversalità

Storia: l’ambientazione temporale ( presente/ passato),  gli indicatori logico temporali e il succedersi logico dei fatti;  lingua e cultura friulana: nomi e tipologia degli oggetti e  delle attività della vita scolastica in uso a  genitori e  nonni, racconti e filastrocche;  educazione all’affettività: atteggiamento di cooperazione e relazione positiva nei confronti degli altri; educazione alla cittadinanza: modalita’ positive nell’interazione comunicativa;  matematica: formule e  risposte a semplici domande relative a situazioni concrete e loro descrizione scritta; tecnologia: giochi didattici multimediali, videoscrittura; geografia: paesaggi ed elementi caratterizzanti con finalità descrittive.

Verifica

Periodiche osservazioni sistematiche sia individuali che di gruppo; prove strutturate e semistrutturate.

torna su

Unità di apprendimento 4: lettura e analisi linguistica

Indicatori di competenza al termine della classe seconda

  • Legge diverse tipologie testuali e dimostra di aver compreso sia individualmente che nell'interazione con il gruppo

Obiettivi formativi

  1. L’alunno legge con buona scorrevolezza e correttezza, per comprendere globalmente il contenuto, per immaginare, per confrontarsi, per trascorrere un momento piacevole
  2. L’alunno legge con buona scorrevolezza e correttezza, per capire analiticamente il testo, per conoscere, informarsi e arricchire il proprio bagaglio lessicale

Obiettivi di apprendimento

  • Si avvale di tutte le anticipazioni del testo per mantenere l’attenzione e orientarsi nella comprensione
  • Comprende il significato globale di semplici testi, riconoscendone la funzione
  • Comprende il significato di semplici testi letti, individuandone gli elementi essenziali
  • Utilizza forme di lettura diverse, funzionali allo scopo, ad alta voce, silenziosa per ricerca, per studio…
  • Legge testi descrittivi e narrativi di storia, geografia, scienze…
  • Mantiene l’attenzione fino al termine della lettura
  • Riconosce parole non note e cerca di darne una spiegazione con il supporto del contesto
  • Prende confidenza con il dizionario
  • Raggiunge una buona padronanza della lettura strumentale
  • Conosce e rispetta la punteggiatura
  • Possiede conoscenze lessicali
  • Riconosce le convenzioni ortografiche

Contenuti

Conoscenza di sé, interessi, emozioni esperienze vissute, diritti dei bambini, il gioco come momento di crescita, narrazioni e descrizioni personali ed in terza persona, relative all’attività ludica. Primo approccio con le regole grammaticali (nomi, articoli, verbi), con i nuclei semantici ed i nessi logico temporali.

Metodi, attività e soluzioni organizzative

  • Tecniche di lettura silenziosa e ad alta voce
  • Attività di lettura di produzioni proprie e non ( di vario genere e per scopi diversi)
  • Analisi e verbalizzazione di testi letti
  • Lettura e commento di semplici brani opportunamente predisposti, in base alle tematiche via via affrontate
  • Esercizi gioco di analisi e manipolazione di semplici frasi

Trasversalità

Storia: l’ambientazione temporale ( presente/ passato),  gli indicatori logico temporali, lettura, analisi e riordino di eventi in successione logica;  lingua e cultura friulana: lettura dei racconti e delle descrizioni di nonni e genitori relativamente alle loro esperienze di vita scolastica; educazione all’affettività: atteggiamento di cooperazione e relazione positiva nei confronti degli altri, percezione di sé e delle proprie capacità; educazione alla cittadinanza: modalita’ positive nell’interazione comunicativa;  matematica: lettura e comprensione del testo di semplici situazioni problematiche; geografia: lettura di semplici rappresentazioni iconiche e non; inglese: lettura e comprensione delle prime formule convenzionali.

Verifica

Periodiche osservazioni sistematiche sia individuali che di gruppo; prove strutturate e semistrutturate.

torna su

Educazione alla convivenza civile

Durante lo svolgimento del curricolo di lingua italiana sarà data costante attenzione all'aspetto educativo, in particolar modo all'educazione alla cittadinanza e all'affettività, affinché gli alunni, in questo momento di crescita, possano sviluppare  una personalità responsabile e rispettosa di se stessi e del mondo circostante.

Educazione alla cittadinanza

Obiettivi formativi

  • Migliora il proprio livello di autonomia, di autocontrollo, di fiducia in sé
  • Utilizza in modo gradualmente più consapevole le regole dello stare insieme

Obiettivi di apprendimento

  • Mette in atto comportamenti di autonomia, autocontrollo, fiducia in sé
  • Interagisce, utilizzando modi corretti, con persone e scopi diversi
  • Accetta, rispetta, aiuta gli altri e i diversi da sé, comprendendo le ragioni del loro comportamento
  • Manifesta il proprio punto di vista e le esigenze personali in forma corretta e argomentata
  • Conosce la funzione della regola nei diversi ambienti di vita quotidiana

Contenuti

Il proprio sé, gli altri, i diversi da sé; le regole nei diversi ambienti di vita quotidiana.

Metodi e attività

Ascolto e lettura di brani predisposti; conversazioni, dialoghi, riflessioni guidate; attività ludiche incentrate sull'acquisizione delle regole.

Verifica

Osservazioni sistematiche di atteggiamenti, comportamenti, interventi.

Educazione all'affettività

Obiettivi formativi

  • Sa identificare emozioni, stati d'animo, sentimenti che connotano il proprio sé
  • Sa stabilire con gli altri rapporti basati sul rispetto e la reciprocità

Obiettivi di apprendimento

  • Attiva atteggiamenti di ascolto conoscenza di sé e di relazione positiva nei confronti degli altri
  • Attiva modalità relazionali positive con i pari e gli adulti
  • Esercita modalità socialmente efficaci e moralmente legittime di espressione delle proprie emozioni e della propria affettività

Contenuti

Il proprio sé, gli altri, le relazioni interpersonali, le emozioni, l'affettività.

Metodi e attività

Conversazioni in circle-time; giochi ed attività di gruppo; letture di brani e racconti; conversazioni, riflessioni guidate.

Verifica

Osservazioni sistematiche di atteggiamenti, comportamenti, interventi.

torna su