logo dell'Istituto Comprensivo di Sedegliano

Istituto Comprensivo di Basiliano e Sedegliano

Scuole statali dei Comuni di Basiliano, Coseano, Flaibano, Mereto di Tomba, Sedegliano (Ud)

Ora sei in: home > insegnanti > programmazione 2015/2016 > Scuola Primaria di Basiliano > italiano - classe quinta

Programmazione didattica

Scuola Primaria di Basiliano

anno scolastico 2015/2016

Classe quinta
insegnante Monica Fidenato

Programmazione di Italiano

COMPETENZE

L’allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti rispettando il turno e formulando messaggi chiari e pertinenti, in un registro il più possibile adeguato alla situazione.

Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.

Legge e comprende testi di vario tipo.

Utilizza abilità funzionali allo studio.

Legge testi di vario genere sia a voce alta sia in lettura silenziosa e autonoma e formula su di essi giudizi personali.

Scrive testi corretti nell’ortografia, chiari e coerenti, legati all’esperienza e alle diverse occasioni di scrittura che la scuola offre.

 Rielabora testi parafrasandoli, completandoli e trasformandoli.

Capisce e utilizza nell’uso orale e scritto i vocaboli fondamentali e quelli di alto uso.

 Riflette sui testi propri e altrui per cogliere regolarità morfosintattiche e caratteristiche del lessico.

Riconosce che le diverse scelte linguistiche sono correlate alla varietà di situazioni comunicative.

Padroneggia e applica in situazioni diverse le conoscenze fondamentali relative all’organizzazione logico-sintattica della frase semplice, alle parti del discorso (o categorie lessicali).

NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Ascolto e parlato

- Interagire in modo collaborativo in una conversazione, in una discussione, in un dialogo su argomenti di esperienza diretta, formulando domande, dando risposte e fornendo spiegazioni ed esempi.
- Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un’esposizione (diretta o trasmessa); comprendere lo scopo e l’argomento di messaggi trasmessi dai media (annunci, bollettini ...).
- Comprendere consegne e istruzioni per l’esecuzione di attività scolastiche ed extrascolastiche.
- Raccontare esperienze personali o storie inventate organizzando il racconto in modo chiaro, rispettando l’ordine cronologico e logico e inserendo gli opportuni elementi descrittivi e informativi.

Lettura

- Impiegare tecniche di lettura silenziosa e di lettura espressiva ad alta voce.
- Usare, nella lettura di vari tipi di testo, opportune strategie per analizzare il contenuto; porsi domande all’inizio e durante la lettura del testo; cogliere indizi utili a risolvere i nodi della comprensione.
- Leggere e confrontare informazioni provenienti da testi diversi per farsi un’idea di un argomento, per trovare spunti a partire dai quali parlare o scrivere.
- Leggere testi narrativi e descrittivi, sia realistici sia fantastici,   distinguendo l’invenzione letteraria dalla realtà.
- Leggere testi letterari narrativi, in lingua italiana contemporanea, e semplici testi poetici cogliendone il senso, le caratteristiche formali più evidenti, l’intenzione comunicativa dell’autore ed esprimendo un motivato parere personale.

Scrittura

- Raccogliere le idee, organizzarle per punti, pianificare la traccia di un racconto o di un’esperienza.
- Produrre racconti scritti di esperienze personali o vissute da altri che contengano le informazioni essenziali relative a persone, luoghi, tempi, situazioni, azioni.
- Scrivere lettere indirizzate a destinatari noti, lettere aperte o brevi articoli, adeguando il testo ai destinatari e alle situazioni.
- Esprimere per iscritto esperienze, emozioni, stati d’animo sotto forma di diario.
- Rielaborare testi (ad esempio: parafrasare o riassumere un testo, trasformarlo, completarlo) e redigerne di nuovi, anche utilizzando programmi di videoscrittura.
- Scrivere semplici testi regolativi o progetti schematici per l’esecuzione di attività (ad esempio: regole di gioco, ricette).
- Realizzare testi collettivi per relazionare su esperienze scolastiche e argomenti di studio.
- Produrre testi creativi sulla base di modelli dati (filastrocche, racconti brevi, poesie).
- Produrre testi sostanzialmente corretti dal punto di vista ortografico, morfosintattico, lessicale, rispettando le funzioni sintattiche dei principali segni interpuntivi.

Acquisizione ed espansione del lessico ricettivo e produttivo

 

- Comprendere e utilizzare in modo appropriato il lessico di base.
- Arricchire il patrimonio lessicale attraverso attività comunicative orali, di lettura e di scrittura e attivando la conoscenza delle principali relazioni di significato tra le parole.
- Comprendere che le parole hanno diverse accezioni e individuare l’accezione specifica di una parola in un testo.
- Utilizzare il dizionario come strumento di consultazione.

Elementi di grammatica esplicita e riflessione sugli usi della lingua

 

- Conoscere i principali meccanismi di formazione delle parole (parole semplici, derivate, composte).
- Comprendere le principali relazioni di significato tra le parole (somiglianze, differenze, appartenenza a un campo semantico).
- Riconoscere la struttura del nucleo della frase semplice (la cosiddetta frase minima): predicato, soggetto, altri elementi richiesti dal verbo.
- Riconoscere in una frase o in un testo le parti del discorso, o categorie lessicali, riconoscerne i principali tratti grammaticali; riconoscere le congiunzioni di uso più frequente.
- Conoscere le fondamentali convenzioni ortografiche e servirsi di questa conoscenza per rivedere la propria produzione scritta e correggere eventuali errori.

CONTENUTI

Differenza fra oralità e scrittura. Spiegazione e interventi orali.

Testi narrativi in prima e terza persona relativi alla famiglia, la scuola, gli amici, gli affetti, il senso di sé.

Racconti realistici e fantastici; testi tratti da biografie di personaggi famosi e racconti storici.

Testi descrittivi di animali, persone, oggetti e ambienti, tratti da testi narrativi e informativi.

Il testo poetico. Autori classici e contemporanei. La parafrasi.

Testi informativi e regolativi (regolamenti, regole di comportamento…).

Testo argomentativo (problema, tesi, argomentazioni).

METODOLOGIA

Ogni proposta didattica partirà dalle conoscenze e dalle competenze degli alunni.

Si cercherà di dare spazio al parlato, favorendo conversazioni libere e/o guidate, discussioni e drammatizzazioni per favorire la relazione e la comunicazione all’interno del gruppo classe.

Saranno offerte diverse opportunità per stimolare il piacere della lettura e si promuoveranno l’analisi e l’esplorazione testuale per conoscere, attingere informazioni e riflettere sull’uso della lingua orale e scritta.

Le attività di scrittura tenderanno a rendere le produzioni sempre più pertinenti ai temi proposti, adeguate ai destinatari e agli scopi, con un registro linguistico coerente e ortograficamente corrette.

Saranno approfondite le fasi di pianificazione e di revisione del testo.

Le regole linguistiche saranno apprese attraverso l’analisi di frasi tratte dalla produzione dei bambini e da brani d’autore per arricchire il lessico e utilizzarlo in maniera funzionale.

Per le modalità didattiche di lavoro si utilizzeranno lezioni frontali, attività individuali dell’alunno e lavori a coppie o a piccoli gruppi.

VERIFICA

La valutazione delle singole unità di lavoro assumerà valenza prevalentemente formativa per accertare il conseguimento degli obiettivi fissati, al fine di attivare immediatamente gli eventuali interventi di recupero, di consolidamento e di potenziamento.

Le prove di verifica saranno di tipo oggettivo (vero/falso, scelte multiple, brani da completare), di tipo soggettivo (interrogazioni, conversazioni, libere espressioni, composizioni) e osservazioni occasionali e sistematiche in vari momenti della vita scolastica (lavori di gruppo, esercitazioni, percorsi didattici su temi definiti).

La valutazione quindi terrà conto, oltre che del risultato delle verifiche, anche dell’impegno e della partecipazione degli alunni nei vari momenti dell’attività didattica.

torna su